LINK AMICI


5-taiji-grafica-vettoriale-materiale-elementi-della-natura_15-5494

touch inner life

 

Annunci

Guarire con l’InFormazione


La Legge di Attrazione: “Attiviamo onde energetiche tramite le quali otteniamo di ritorno ciò che immettiamo nell’Universo.”

cerebro-240x192

Ora, cominciamo con la prima parte di un tema magnifico! Come possiamo interferire nei nostri geni e cambiare man mano la nostra realtà a partire di noi stessi, facendo conto sull’osservazione. Oggi siamo nell’epoca della Fisica Quantistica, dove la medicina dell’informazione è al ‘top’, in contrapposizione alla medicina convenzionale che parte dal presupposto che l’intero universo è costituito da materia e di conseguenza le malattie dell’essere umano possono essere trattate con cose materiali come la chimica. Ma la fisica quantistica già degli anni 30 sa che l’universo non è costituito da materia, bensì da energia. È ben vero che abbiamo 60 miliardi di geni che costituiscono la nostra storia fisica, che comunicano tra di loro, contengo memorie e che sono attivi soltanto il 20% e gli altri 80% reagiscono di maniera del tutto autosufficiente (subconscio), al bisogno della salvaguardia del corpo, ma anche  a comandi, inoltre, scambiano informazioni con il mondo esterno. Cosi, con l’arrivo dell’epigenetica i geni non sono più al comando di ogni cosa, ma contengono ‘cose’ che cambiano punti di vista e dipendono dal conduttore, ossia, io, te…

Bruce Lipton, dici ancora – e lo dimostra – che i nostri geni non sono altro che cianografie, un’istruzione attraverso cui l’organismo può costruire una proteina, ma attraverso il nostro pensiero e le influenze dell’ambiente, si possono creare fino a 30.000 proteine diverse, quindi non siamo vittime dei geni, al contrario, piuttosto possiamo influire sulla nostra salute con le giuste informazioni, cosi come dai pensieri e credenze positive. In questo modo, possiamo tra l’altro, modificare la forma di una proteina!

Ma, badate a quello che dite, poiché il subconscio comprende letteralmente tutta l’informazione. Importante capire che se le parole hanno doppio senso, anche il cervello inferiore lavora su entrambi i sensi. Dire per esempio, ‘Mi si spacca il cuore’, può arrecare qualche probabile conseguenza. Altre frasi: ‘Mi fa venire la nausea’; ‘fa male a vedere’. Tutto ciò rispecchia il vostro atteggiamento verso qualcosa, e quindi è necessario cambiarlo, per far luogo a parole nuove e positive.

I meccanismi principali della comparsa delle malattie sono: nelle motivazioni nascoste (subconscio con l’aiuto della malattia effettua qualche intenzione positiva); nei pensieri distruttivi scatenano le malattie, che sono il riflesso dei nostri pensieri e comportamento; in una brutta esperienza del passato, uno stress emozionale;con l’effetto di suggestione, creazione della malattia tramite suggestione e utilizzando frasi con doppio senso. Morale, la gente da sola può creare le sue malattie, ma la buona notizia è che la può anche guarire.

E le persone che nascono malate? Come l’hanno creata? Ottima domanda, cui la risposta è nelle memorie e nell’ambiente dove uno cresce. Poi, volendo allungare il discorso, potremo analizzare altri fattori, ma qui non è la sede giusta per farlo e ne il momento. Certo che tempo fa, conobbi una signora che, tranquillamente affermò: “Io e mio marito siamo scuri di capelli e occhi, ma incinta del mio secondo figlio (non sapeva ancora se era femmina o maschio), guardando il mare blu mi auguravo la femmina con gli occhi azzurri”. Cosi nacque la bella bimba di occhi azzurri, l’unica in tutta la famiglia, e per non creare disaggi, tanto di DNA per confermare la paternità. Poi, un bambino che all’età di soli cinque anni presentava tutte le caratteristiche richieste dal nonno per un suo probabile erede, ma il nonno muori, appena nato suo nipote. Potrei andare ancora avanti con tanti altri esempi positivi e non.

Infine, per chiarire da dove provengono i motivi delle malattie, si fa importante chiarire che essi vi trovano dentro, e non fuori di noi, e sono: La mancata comprensione della destinazione, del senso della propria vita; della mancata o mancato rispetto delle regole dell’Universo; presenza nel subconscio e nella coscienza di pensieri, sentimenti, emozioni distruttivi; E ancora, la malattia è il segnale della trasgressione dell’equilibrio e dell’armonia con l’Universo. Secondo un omeopata russo, la malattia va trattata proprio per questo con rispetto, va accettata e ringraziata per esserci, perché essendo il riflesso dei nostri pensieri, comportamenti ed intenzioni, risulta la difesa del nostro subconscio ai nostri pensieri e comportamenti distruttivi.

cooltext1673938144

Fonte: Bruce Lipton, V. Silelnicov

Le Malattie Trasmissibili Tramite lo Spirito


malatimage (1)

Un’ altro argomento fondamentale per la preparazione dell’operatore di una qualsiasi tecnica olistica e non solo. Parliamo anche di qualsiasi persona in contatto con l’altro, quindi, tutti! Alcuni poterebbero non essere d’accordo con la parola ‘spirituale’, allora in tale caso, considerala ‘mentale’,suggestione mentale ecc, come vi viene meglio. Osservate voi stessi e intorno a voi ,ciò che capita e fate il confronto. È molto probabile che senza accorgersene, siate state infetti da una di queste 10 malattie da non sottovalutare.

Questo testo va dedicato specialmente a tutti coloro che ne sono a capo di associazioni, gruppi spirituali, leaders di comunità religiose  grandi o piccole che siano. Molto importante per chiarire ai lettori su un argomento poco discusso che è la leadership ed il proselitismo e le sue implicazioni sulla manipolazione di massa. Si ha da secoli, l’abitudine di seguire per affinità di idee, ma senza la mente critica (e lei serve in questi casi) su CHI e come li ‘guida’. E penso anche che, chi cerca una determinata ‘linea guida spirituale’, lo faccia senza riflettere sulle conseguenze della propria scelta e senza tenere la mente critica su ogni avvenimento che succede dentro della comunicazione spirituale. Il Learder cresce con l’omissione

1. FAST FOOD SPIRITUALE

E’ un prodotto della fantasia comune e comprensibile secondo cui il sollievo dalla sofferenza della condizione umana, possa trovarsi velocemente e viene facilitata dall’illusione  possano essere immeditati tramite i polpettoni offerti ogni giorno da svariati Guru di turno. La trasformazione spirituale non vi si arriva ad un battito di ciglia!

2. SPIRITUALITA’ FINTA

Quando una persona parla, si veste e agisce come immagina che farebbe una persona spirituale. Più o meno, come la stoffa dal disegno leopardato imita la pelliccia di leopardo vero.

3. MOTIVAZIONE CONFUSA

Anche se la nostra aspirazione a crescere è sempre vera e pulita, spesso è contornata dalle motivazioni più basse, come il desiderio di essere amato, di appartenere, di riempire un vuoto interiore, di eliminare le sofferenze, di essere una persona particolare, unica nel suo genere.

4. IMMEDESIMAZIONE CON LA SPIRITUALITA’

Quando l’Ego si immedesima con l’esperienza spirituale e se ne impossessa. Cominciamo a credere di incarnare la spiritualità. Nelle persone che si credono illuminate o diventano i maestri spirituali, queste malattia si trattiene a lungo.

5. SPIRITUALIZZAZIONE DELL’EGO

Succede quando la stessa struttura di una personalità egoistica si immedesima nelle idee e concetti spirituali; il risultato è una struttura egoistica “blindata”, invulnerabile e chiusa alla nuova informazione o un feed-back costruttivo. La nostra crescita spirituale si ferma – in nome della spiritualità.

Nota: chi ha fatto molto corsi e ha incontrato certi guru, ne sa qualcosa.

6. PRODUZIONE DI MASSA DEI MAESTRI SPIRITUALI

Esistono alcune molto pubblicizzate tradizioni spirituali che producono continuamente persone che si credono illuminate o maestri, mentre non lo sono per niente; una sorta di catena di montaggio: un po’ di luce, un po’ di intuito, e via! Sei un illuminato e sei pronto a illuminare gli altri. Il problema non è come li insegnano, questi “maestri”, ma il fatto stesso che loro si presentano maestri.

7. SUPERBIA SPIRITUALE

Dopo anni di esercizi, una persona raggiunge certi risultati e non fa più nulla, sentendosi superiore: “Sono meglio degli altri, perché ho intrapreso una via spirituale”.

8. COSCIENZA DI MASSA

Ovvero una psicologia del culto, una coscienza di gruppo, una malattia da “ashram”: i partecipanti del gruppo si accordano, inconsciamente, su come parlare, pensare, vestirsi e agire in maniere “corretta”. Chi è infetto di questa malattia, rifiuta coloro che non corrispondono a certe regole non scritte.

9. COMPLESSO DEL PRESCELTO

Si è convinti che il proprio gruppo sia il migliore, il più illuminato, o più semplicemente, è meglio di altri gruppi. Esiste un’importante differenza tra la comprensione di aver trovato una via, un maestro o una comunità e di aver trovato Colui che è Unico.

10. “SONO ARRIVATO” (IL VIRUS MORTALE)

Questa malattia è molto pericolosa, è mortale per la nostra evoluzione spirituale; si è convinti di essere arrivati. Appena questa convinzione si cristallizza nella nostra psiche, la crescita spirituale si ferma.

E’ molto importante capire e riconoscere le malattie dell’ego e le illusioni molto radicate che abbiamo tutti noi. Ci potrà servire il senso dell’umorismo e l’aiuto dei veri amici. Per portare nel mondo i veri cambiamenti, occorre conservare la fede in se stessi e negli altri, e saper superare gli ostacoli.

cooltext1673934300MouseOver