MWHEALING® LA NASCITA

MOTHER WATER HEALING ® IL SOTTILE TOCCO DELL’ACQUA CHE CAMBIA LA VITA!

mindfulness-atenc3a7c3a3o-plena-c381gua4

Nel mio percorso come Operatrice Olistica, come persona e donna, ho potuto vivere, in primis subendo molte volte le trappole del subconscio e di una realtà non proprio ben elaborata, ben istruita e solida. Ho vissuto momenti durissimi fin da bambina, perso all’età di 8 anni una mamma bella, colta che aveva appena 32 anni, ma molto triste. Ebbene si, lei ha cercato di andare avanti per noi, tre figli di cui io la minore, ma suo cuore aveva ‘desistito’ di vivere. Ovviamente salto tutti i percorsi vissuti, anche perché sono incominciati ancora quando ero in grembo, ma non vorrei trasformare questo racconto i una biografia  perché penso sia più importante il messaggio che viene fuori, che il raccontare me stessa.

Sin da piccola amavo usare le mani per guarire le persone e ci riuscivo molto bene; all’età di 5 anni fui considerata morta dopo un’emorragia al pomone (ma io c’ero e vide tutto dall’alto, come vide il tunnel e la luce che mi aspettava, ma potevo scegliere di tornare o meno, e vedendo il pianto di una madre cosi fragile , che già avevo imparato ad amare, ho deciso di “tornare”).

Dopo di questo ritorno, spesso mi accadevano fatti curiosi, a dire straordinari e mi sentivo una bambina diversa dagli altri. Ad esempio, gioivo in’ osservare l’acqua, acqua che, nelle sue più forti manifestazioni in natura, mi causava da sempre impressione e un po di timore dopo che io e mia famiglia siamo stati quasi vittima di una forte inondazione. Eravamo sul tetto della casa, io guardavo la rabbia di quell’acqua e mi dicevo, dove potesse stare la causa di tale squilibrio! Dopo questo evento in cui siamo stati salvati da un signore che ci diventò il nostro “super-eroe” , nei fiumi,  massimo mi  bagnavo i piedi, in mare, mi divertivo fin dove potessi toccare, ma era più rispetto che paura, sono certa.

A primo contatto con entrambi i vestiti potesse indossare l’ACQUA, posso affermare con certezza, che con lei ho sempre comunicato, quasi nel bisogno di avere la sua benedizione, il suo aiuto. Non pensavo tanto alla pulizia del fisico, ma a quella più profonda, le chiedevo di andare nel mio più profondo. Poi, crescendo, ci dimentichiamo un po di questa capacità che abbiamo avuto sin da piccoli e ci buttiamo nella matrix di questo mondo, diventando alcune volte, prigionieri di certe illusioni. Cosi,  quello che è stato reale e tangibile, che ha avuto la forza di toccarci l’anima, va un po lasciato al baratro. Poi ho capito, che una volta che  ho comunicato con l’acqua e chiesto a suo tempo, il suo aiuto, nel momento in cui sembra tu ti stia per annegare nelle afflizioni di questo mondo, le ti viene incontro, e LA MEMORIA VIENE SFIORATA.

4211

Ero afflitta da pensieri e preoccupazioni. Da sola, in un’altro paese, dove tutto sembrava a dir poco impossibile, lamenti a non finire: “Sono donna, onesta e brava, non capisco perché essendo figlia dell’INFINITO , ricco ed incommensurabile, io possa vivere in questa terribile matrix, vittima di questa illusione senza fine e vittima dalle mie proprie sofferenze e bisogni! Non capisco!” E cosi, un giorno…

Ho pianto sotto la doccia e li sono rimasta, non saprei dire per quanto tempo. Ed è come se, qualcosa o qualcuno mi prendesse per mano e mi facesse vedere un piccolo passaggio di trasmutazione tramite l’acqua attraverso un portale. Ho visto scene e situazione quasi sciamaniche o antiche, dove l’acqua puliva e penetrava nell’inconscio mio, lavandolo e spazzando come una cascata, tutte le mie paure! Ogni dettaglio era cosi intelligente e affascinante,  e allo stesso tempo semplice e profondo, che oserei dire quasi poetico. Io cantavo, intanto che  quei percorsi divini, ma cantavo per davvero, non nell’immaginazione. E da qui è nato, tra l’altro, un testo per dare vita ad una canzone che poi verrà incluso nel momento del corso, con la mia voce. Ci vuole coraggio, ma io sono coraggiosa! Ho scritto in un pezzo di carta ogni passaggio di quella stupenda esperienza, ma in fondo, non ne avevo bisogno, perché era tutti cosi chiaro nella mia mente e cosi è rimasto fino ad oggi.

Fiori, profumi, soffi, respiri, brezza, il tocco, le mani, l’acqua liquida e densa; cristallina e colorata, profumata e inodore, dolce e salata e …..

 

Tutto ciò, ho raccolto e messo in un baule in un’ angolo del mio cuore. Dopo quel balsamo ricevuto, mi sentivo già più forte e ho ringraziato per quello stupendo momento di sfiorata presenza divina. Ho ringraziato e ho continuato a vivere il mio percorso, un giorno meglio, altro  meno, come ogni essere umano ‘normale’, e ogni tanto, sotto la doccia, cercavo coscientemente quell’amorevole puro incontro che ho provato con tanta intensità. Qualche volta ci riuscivo appena, qualche volta  meno ancora, qualche volta per nulla ci riuscivo e qualche volta di più. E indagavo il perché senza tante risposte (stavo sommersa in quella parte gelatinosa dell’inconscio). Poi nel 2005 un’altra esperienza, prima del risveglio! Un viaggio con gli elementali, cullata da loro, portata via mano con mano su sentieri mai visti nemmeno nel più bello film di fantasia. Iniziavo, dunque, in un bosco stupendo e passando dai ruscelli alle cascate, finivo nel mare, incontri, sensazioni e messaggi tratti da sguardi attenti di una natura più che amorevole. Una volta tornavo sul dorso di un delfino, altra volta su dorso di un incantevole unicorno alato. Sentivo tutto cosi vero e rinvigorente, scenario pieno di entusiasmo e tanto reale! Si! Reale e curativo! Sono sicura che mi fosse stata data l’opportunità di vivere in altre dimensioni, con amici che, nel profondo del mio cuore, ho sempre valorizzato e rispettato e mai denigrato, visto l’immenso rispetto che ho per la vita in generale! Anche per una semplice foglia che cade, osservo attentamente. E cosi, nasce la mia personale meditazione Nella Cuna Degli Elementali

Poi, nel 2008 incomincio mio percorso con le Tavole Radioniche, e praticandole mi sono voluta concentrare su di loro, e nel frattempo ho imparato altre tecniche che, sommate a quelle degli anni prima, mi hanno fatto crescere di intendimento sulla natura umana e cosi, qualche volta, nell’aiuto al prossimo, neanche a scopo di lucro, ho usato entrambe le tecniche Mother Water e Nella Cula con gli Elementali (perché per me lo sono diventate lungo gli anni) e i risultato erano davvero buoni mi . Finché, all’appello di Regia Prado, per dare inizio ai suoi corsi qui in Italia, ho finalmente capito perché mi servisse aver imparato all’ora tutto quanto e non averli mai dimenticati! Inoltre, avendo avuto tutte le difficoltà in questa vita, ho potuto apprezzare maggiormente mio percorso ed essere oggi molto più presente CORPO, MENTE E SPIRITO! E ho  quanto la tavola mi fosse servita a risvegliare in me il mio potenziale creativo e metterlo in moto!

Ho addoperato Mother Wather Healing® a distanza e sono scoinvolta del suo risulto, l’ho usata per me, ed è stata una liberazione da traumi e senza alcun tipo di  shock!

Oggi lo propongo come corso, perché non si tratta di indurre le persone a vivere quel che ho vissuto, ma farle capire tutto quel che c’è di mezzo e come arricchirsi dell’inaspettato ma che esistente. Perché ci vuole responsabilità, tempo  e pratica per dire quello che avrò da dire, e che potrà incantarvi, cosi come ha incantato me!

Benvenuti!

Autore: Livia De Freitas.

I testi sono di mia personale iniziativa, responsabilità e coperti, più che di diritto d’autore, di un sentito vissuto, e a questo, non si può dare un valore perché è incomensurabile.

Salva

Salva