Per una vita Propizia…Alcune Regole da Rispettare


10297610_547157032056174_5701745862569666952_n

Per cominciare bene l’anno, queste regole da rispettare. Proviamo?

Rispetto. Questo mi viene facile, meno con chi non sa rispettare, soprattutto agli innocenti. Non so voi.

Accettazione…Per le decisioni altrui, e di ciò che non si riesce a cambiare.

Fiducia…a tutti, tranne che dei fatti propri (Per non finire nel mirino dei curiosi di mente distorta). La vita non è pizza e ne frittata….almeno non la mia. Poi, decide tu che fare della tua.

Allontanarsi: Dai curiosi, dagli invidiosi, dalle persone che vedono grigio anche nell’arcobaleno.

Avvicinarsi: alle persone felici e di bene con la vita e positive.

Ricordati! Anche un fiore nel arido deserto viene apprezzato da chi riesce a vederlo..E molte volte basta volerlo.

Aiutare: A chi ne ha bisogno e te lo chiedi l’aiuto.

Non aiutare: A chi non te lo chiede e non vuole essere aiutato.

Fede: Averla anche quando tutto sembra perduto…In qualcosa bisogna, ma soprattutto cominci a credere di più in te stesso.

Credere…che in qualche modo tutto si risolve, che per ogni tunnel c’è una via di uscita. Magari non è quella che aspettavamo, ma è quella migliore per noi in quel momento

Ridere: Anche se ci sono pochi motivi per farlo. La risata è come una ciliegia, una tira l’altra e la vita torna ad essere una bambina.

Auto-ironia…Ah! Questa rende speciale una persona! Provare per credere. Una persona che si sente speciale darà molto fastidio, ma non alle persone intelligenti e sensibili, che per fortuna ancora esistono!

Spontaneità: Solitamente le persone spontanee spaventano, sembrano finte dal tanto che vivono bene l’essere se stessi, in questo mondo poi di persone che fingono per ottenere, avere chissà che cosa e troppo impostate.

Ignorare: Ignorare chi non ti crede, chi ti deride, che è falso con te. Non portarli rancore, ma compassione. con il tempo capirai perché.

Allontanarsi di chi non ti rende felice. Serve per altro a farglielo capire dove sbaglia.

Lasciar andare: A volte arriva la fine per ogni ciclo, sia con persone che con cose. L’attaccamento ci impedisce di lasciar via libera alla felicità o percorso di cose e persone. Siamo nati individuali e il vero amore non conosce distanze, rimane indelebile anche col tempo. Tutto ciò che lasci andare, se deve tornare, torna da solo e spontaneamente.

Speranze: Averne meno. Credi di più e muoviti!

Sogni…si realizzano se ti muovi verso un’ obbiettivo e bisogna farlo uno per volta, senza lamentarsi. I lamenti creano distanze tra il sogno e la realtà.

Infine,
Non prendersela con gli altri. Se la vita non ci scivola come vogliamo, forse è nostra la colpa, per i motivi sopra se ci mancano . Mai augurare il male agli altri. Ciò che fai ti torna. Lascia che ci pensi la vita a fare giustizia.

Livia Cassemiro

Le Malattie Trasmissibili Tramite lo Spirito


malatimage (1)

Un’ altro argomento fondamentale per la preparazione dell’operatore di una qualsiasi tecnica olistica e non solo. Parliamo anche di qualsiasi persona in contatto con l’altro, quindi, tutti! Alcuni poterebbero non essere d’accordo con la parola ‘spirituale’, allora in tale caso, considerala ‘mentale’,suggestione mentale ecc, come vi viene meglio. Osservate voi stessi e intorno a voi ,ciò che capita e fate il confronto. È molto probabile che senza accorgersene, siate state infetti da una di queste 10 malattie da non sottovalutare.

Questo testo va dedicato specialmente a tutti coloro che ne sono a capo di associazioni, gruppi spirituali, leaders di comunità religiose  grandi o piccole che siano. Molto importante per chiarire ai lettori su un argomento poco discusso che è la leadership ed il proselitismo e le sue implicazioni sulla manipolazione di massa. Si ha da secoli, l’abitudine di seguire per affinità di idee, ma senza la mente critica (e lei serve in questi casi) su CHI e come li ‘guida’. E penso anche che, chi cerca una determinata ‘linea guida spirituale’, lo faccia senza riflettere sulle conseguenze della propria scelta e senza tenere la mente critica su ogni avvenimento che succede dentro della comunicazione spirituale. Il Learder cresce con l’omissione

1. FAST FOOD SPIRITUALE

E’ un prodotto della fantasia comune e comprensibile secondo cui il sollievo dalla sofferenza della condizione umana, possa trovarsi velocemente e viene facilitata dall’illusione  possano essere immeditati tramite i polpettoni offerti ogni giorno da svariati Guru di turno. La trasformazione spirituale non vi si arriva ad un battito di ciglia!

2. SPIRITUALITA’ FINTA

Quando una persona parla, si veste e agisce come immagina che farebbe una persona spirituale. Più o meno, come la stoffa dal disegno leopardato imita la pelliccia di leopardo vero.

3. MOTIVAZIONE CONFUSA

Anche se la nostra aspirazione a crescere è sempre vera e pulita, spesso è contornata dalle motivazioni più basse, come il desiderio di essere amato, di appartenere, di riempire un vuoto interiore, di eliminare le sofferenze, di essere una persona particolare, unica nel suo genere.

4. IMMEDESIMAZIONE CON LA SPIRITUALITA’

Quando l’Ego si immedesima con l’esperienza spirituale e se ne impossessa. Cominciamo a credere di incarnare la spiritualità. Nelle persone che si credono illuminate o diventano i maestri spirituali, queste malattia si trattiene a lungo.

5. SPIRITUALIZZAZIONE DELL’EGO

Succede quando la stessa struttura di una personalità egoistica si immedesima nelle idee e concetti spirituali; il risultato è una struttura egoistica “blindata”, invulnerabile e chiusa alla nuova informazione o un feed-back costruttivo. La nostra crescita spirituale si ferma – in nome della spiritualità.

Nota: chi ha fatto molto corsi e ha incontrato certi guru, ne sa qualcosa.

6. PRODUZIONE DI MASSA DEI MAESTRI SPIRITUALI

Esistono alcune molto pubblicizzate tradizioni spirituali che producono continuamente persone che si credono illuminate o maestri, mentre non lo sono per niente; una sorta di catena di montaggio: un po’ di luce, un po’ di intuito, e via! Sei un illuminato e sei pronto a illuminare gli altri. Il problema non è come li insegnano, questi “maestri”, ma il fatto stesso che loro si presentano maestri.

7. SUPERBIA SPIRITUALE

Dopo anni di esercizi, una persona raggiunge certi risultati e non fa più nulla, sentendosi superiore: “Sono meglio degli altri, perché ho intrapreso una via spirituale”.

8. COSCIENZA DI MASSA

Ovvero una psicologia del culto, una coscienza di gruppo, una malattia da “ashram”: i partecipanti del gruppo si accordano, inconsciamente, su come parlare, pensare, vestirsi e agire in maniere “corretta”. Chi è infetto di questa malattia, rifiuta coloro che non corrispondono a certe regole non scritte.

9. COMPLESSO DEL PRESCELTO

Si è convinti che il proprio gruppo sia il migliore, il più illuminato, o più semplicemente, è meglio di altri gruppi. Esiste un’importante differenza tra la comprensione di aver trovato una via, un maestro o una comunità e di aver trovato Colui che è Unico.

10. “SONO ARRIVATO” (IL VIRUS MORTALE)

Questa malattia è molto pericolosa, è mortale per la nostra evoluzione spirituale; si è convinti di essere arrivati. Appena questa convinzione si cristallizza nella nostra psiche, la crescita spirituale si ferma.

E’ molto importante capire e riconoscere le malattie dell’ego e le illusioni molto radicate che abbiamo tutti noi. Ci potrà servire il senso dell’umorismo e l’aiuto dei veri amici. Per portare nel mondo i veri cambiamenti, occorre conservare la fede in se stessi e negli altri, e saper superare gli ostacoli.

cooltext1673934300MouseOver

Creando la Propria Fortuna


 

creando

…e questa volta – dei rituali magici!

Molti di noi, anche senza accorgersene creiamo intorno a noi con desideri, pensieri ripetuti in modi anche ritualistici, svariate realtà. Mi ricordo una volta, che guardando la Luna, cercavo di disegnarla (non che fosse brava, il disegno per me è ancora un segreto) con ciò che vedevo dentro, e dentro ci vedevo ciò che intuivo, dal mio subconscio uscivano cose belle e brutte, poi cosi, cercavo di cancellare quelle brutte e a posto loro, introducevo parole positive cercando allora di dare vita ai miei desideri, visto che non riuscivo a raffigurarle con disegni, e trovare figure già pronte non era proprio facile.Ricordo bene che quando ero concentrata e miei intenti erano puri, veri, la maggior parte dei desideri si avveravano. Magia? Penso che siamo capaci di accedere a livelli molto alti di costruzioni della propria realtà quando siamo intensamente collegati alle nostre più intime connessioni: La concentrazione é uno episodio a parte della scala di valori della magia personale. ci vuole prima di essa, oltre l’attenzione, foco ed intenzione, una azione mirata già da prima nella pulizia dei corpi, cominciando da quello fisico, poi gli altri, cosi da facilitare il passaggio alla costruzione dell’ideale Personalità Quantica, che altro non è che l’idealizzazione delle mete iniziali da raggiungere l’armonia personale. La Teoria di Wiseman dice che i principi della Fortuna sono: COGLIERE LE OCCASIONI FORTUITE DELLA VITA I fortunati creano, notano e afferrano le opportunità fortuite della vita; SEGUIRE L’ISTINTOI fortunati prendono decisioni azzeccate usando le intuizioni ed il sesto senso; ESSERE OTIMISTILe aspettative ottimiste riguardo al futuro aiutano i fortunati a realizzare sogni ed ambizioni; TRASFORMARE LA FORTUNA IN SFORTUNAI fortunati riescono a tramutare i brutti scherzi del destino in situazioni favorevoli. Quindi, ciò che segue, sono costruzioni a stampelle, direbbero alcuni, ma che aiutano a giocare con la mente, in modo che essa, divertendosi, possa aprire portali e direzionare la nostra volontà attraverso schemi semplici; esercizi che, fatti con lo giusto spirito, fanno si che la persona acquisisca sicurezza in se stessa, semmai non la dovesse avere. Ricordando i 4 principi, che sono la base per ogni successo.  Bon divertimento a tutti.

Molti sono convinti che la fortuna dipenda dal caso o dal destino. Secondo gli esoterici di tutti i tempi, siamo noi i suoi creatori.
Gli astrologi attribuiscono la fortuna al Giove, per cui giovedì è il giorno propizio per fare dei piccoli rituali. Meglio se lo facciate con la Luna crescente.
Se invece volete far finire qualcosa, anche parzialmente, lavorate con la Luna calante.
La Luna Nuova va bene per chiedere la fortuna all’inizio di una nuova impresa, e la Luna Piena è adatta per chiedere un buon esito di qualcosa già in corso.
Immaginate di essere dentro una sfera bianca (protezione).

1. NOVE FAGIOLI
Prendete nove fagioli e fate dei fori passanti. Fatene poi una specie di ghirlanda con un filo verde e tenetela a casa vostra. All’inizio di ogni giornata prendetela in mano e pensate a ciò che dovete fare per realizzare il sogno passando tra le dita i fagioli. Gradualmente la vita comincerà a preparare per voi dei regali.

2. PAROLE SEGRETE
Per terminare con successo un’impresa difficile, fate cuocere 3 uova sode. Sbucciatele e scriveteci sopra con un AGO le parole segrete.
– FORIF: sul primo uovo
– FORGAT: sul secondo
– MENA: sul terzo. Mangiate le uova e state certi che tutto vada bene.

3. DISEGNO DI LETTERE
Componete delle lettere F, O, R, T, U, N, A… In un disegno piacevole per i vostri occhi. Le lettere possono essere disposte come volete: verticali, inclinate all’indietro, ecc. Usate maiuscole e minuscole, e anche il corsivo. Appendete il disegno in un posto in vista.

4. MANDALA DELLA FELICITA’
Disegnate un cerchio e dividetelo in 4 parti con una grande X dentro. Una X è anche il simbolo astrologico della fortuna. In ogni quarto del cerchio disegnate ciò che volete ottenere; cuore = amore; banconota = lavoro, soldi, colomba = serenità. Si può anche ritagliare le immagini da una rivista e incollarle.
Pronunciate tre volte: “Questi beni entrino nella mia vita”, e appendete il mandala in un posto in vista.

5. CENTRO DEL LABIRINTO
E’ il punto dove il Cielo e la Terra si uniscono.
Prendete una disegno/grafico di un Labirinto e passate il dito lungo le sue linee. Cercate di non pensare a nulla. Sentite la pace che scende su di voi. Quando siete al centro, pensate a ciò che vorreste. Va bene pregare. Ora fate con il dito il viaggio al contrario, verso l’inizio, credendo che il seme sia stato gettato.

6. RACCONTO CON UN HAPPY END
Scrivete un racconto su come deve cambiare la vostra vita. Gli scrittori creano la vita a secondo della loro immaginazione: è un atto magico.

 

Tradotto dal russo alle cure di: Aelita Melina – Radiestesista russa

cooltext1674807477

Le Memorie delle Cellule


Ancora un testo intelligente che viene a completare in parte, il puzzle delle tantissime possibilità del cervello, anche se, in alcune mie ricerche personali nel campo, risulta che ci sia chi  afferma senza declinare ombra di dubbio, che secondo  gli scienziati, il cervello entro non molto, finirà suoi  segreti, dovuto all’avanzo di certe tecnologie che ebbero inizio con la seconda guerra sicuramente, ahimè per quei poveri che ne risultarono cavie.  Prossimamente inserirò un’articolo molto esaustivo a rispetto.

Segue l’inizio di alcuni articoli interessanti sulle cellule, geni e memorie. Buona visione!

 

celulatuxpi.com.1410033158

Se intendiamo la memoria come un deposito di informazioni sotto forma di particelle, anche subliminali, trasmesse come parte di sé anche in maniera indiretta, che ci consente di costruire data base in grado di determinare una personalità individuale, concluderemo che tutto ciò sarà in grado di influenzare i propri elaborati di pensiero. L’inconscio familiare, rappresenta quella linea guida fatta di elementi in comune, tramandati di generazione in generazione che costituisce una sorta di retroterra culturale identificativo.

Ma com’è possibile che alcune caratteristiche vengano evidenziate anche dopo alcuni salti generazionali? Ad esempio, non di padre in figlio ma, ad esempio, da nonno a nipote?

Con un meccanismo simile a quello dalla trasmissione genetica per i caratteri organici. A volte un gene recessivo si attiva dopo qualche linea di discendenza, quando non interverranno geni dominanti ad impedirgli di esprimersi.

Anche sul piano psicologico.  Sembra un discorso un po’ difficile da seguire.

Dunque, non avete mai trasferito immagini da un telefono cellulare ad un altro, via bluetooth? Lo scopo principale della nascita della tecnologia bluetooth risiede nella capacità di far dialogare e interagire fra loro dispositivi diversi (telefoni, stampanti, computer, elettrodomestici, etc.) senza la necessità di collegamenti via cavo, ciò che va sotto il nome di wireless. Wireless si riferisce a una tipologia di comunicazione in cui i segnali viaggiano nello spazio e non su fili o cavi di trasmissione. In un sistema wireless la trasmissione avviene principalmente via radiofrequenza (RF). Wireless consente in un ufficio, in una casa di far dialogare tra loro tutti i dispositivi elettronici presenti. Lo scambio di informazione fra gli strumenti avviene attraverso onde radio, eliminando qualsiasi tipo di connessione fisica tra dispositivi. Tutte le apparecchiature bluetooth predisposte in un ambiente di lavoro sono nella condizione di generare piccoli network ( reti ) senza fili, cioè un’interconnessione di comunicazioni dati, usando un ricetrasmettitore che opera nella frequenza di 2,4 GHz.

Le informazioni fra esseri umani seguono vie non tanto dissimili e si allocano, viaggiando attraverso le vie nervose periferiche e venendo rielaborati in zone specifiche della corteccia cerebrale (mediante reindirizzamento talamico), nell’ippocampo e nei lobi temporali dell’encefalo. Precisamente negli atomi delle molecole del DNA delle cellule nervose interessate (neuroni e nevroglia). Accade che, a volte, non tutte le informazioni memorizzate si esprimano come fenotipo (in maniera evidente) ma rimangano fondamentalmente genotipiche (allo stato potenziale) magari rese silenti da apprendimenti di altre figure di riferimento, assenti in successive generazioni. Le informazioni, comunque, vengono trasmesse, a prescindere dalla loro manifestazione evidente. È così che si trasmettono le tradizioni e i comportamenti di base.

 

Fonte WEB: Intervista a G.M Medico Psicoterapeuta

 

cooltext1673934300MouseOver_thumb.png

Il Corpo e sua Capacità di Auto-Guarigione


 

LAutoguarigionedelCo

Molto si parla ultimamente della capacità del corpo in auto-guarire, giustamente con l’auto del suo conduttore. abitudini, consapevolezza, mente firme, dedicazione, decisione, sono uno dei tanti aiuti di cui il corpo ha bisogno per oltrepassare limiti fino a poco tempo fa, delimitanti della realtà umana. alcuni spunti che ho trovato che indicano come ciò possa essere possibile. Un bel testo di: Scuola Della Salute, che è la prima parte sull’argomento.

 

autoguarigione-218x300

L’Omeostasi

Il Potere Naturale di Auto-guarigione del corpo si collega con l’Essere Umano nella sua interezza, essendo un potere innato che ci fa vivere e lottare contro il dolore, la malattia e la morte. Esso persegue senza tregua uno stato di piena salute e di vita felice. La scienza chiama questa qualità come omeostasi. Tutti noi abbiamo questo Potere Naturale dentro di noi: l’innato potere del corpo di guarire se stesso.

Il corpo è in continua rigenerazione

Cellule vecchie muoiono e le nuove prendono il loro posto. Se ci si taglia la pelle, essa si auto-guarisce. Basta prendersi cura della ferita e tenerla pulita, per evitare l’infezione, e fasciarla se è il caso. Se sanguina inizialmente un po’ questo è buono, perché il sangue possiede le sue difese naturali contro l’infezione. Se ci manteniamo sani, non abbiamo bisogno di antibiotici. La potenza innata del corpo è sufficiente a guarirci. Inoltre, le pomate applicate sulla ferita possono solo ritardare la guarigione.

Antibiotici in eccesso

Le pillole di antibiotici invece distruggono la nostra flora intestinale e indeboliscono le nostre difese immunitarie. Dobbiamo sapere che tutti noi abbiamo dentro un medico interiore che lavora sapientemente a nostro favore, molto meglio di qualsiasi prodotto chimico introdotto dal di fuori dal corpo, per mantenerci sempre al meglio della salute.

Il Potere di Guarigione risiede dentro l’Uomo

Nell’Auto-guarigione Naturale il Potere di Guarigione risiede dentro l’Uomo, e comincia a guarire prima dall’interno e poi dall’esterno, come avviene nella guarigione di una ferita. Quando ci si taglia, la ferita guarisce dall’interno prima, e poi esternamente. Nell’altro modello medico, il sistema sanitario delle malattie, il rimedio viene introdotto dal di fuori, sotto forma di agenti chimici. Ma poi, è sempre il corpo che ha il potere di guarire se stesso e porta a compimento la guarigione.

Come il giardiniere

Quello che dovremmo fare noi col nostro corpo è come il compito del giardiniere che si prende cura del suo giardino: irrigazione e pulizia del giardino, che così può crescere, ed essere bello e sano. Ma non è il giardiniere che fa crescere le piante nel giardino, sono le piante stesse che hanno un proprio potere innato di crescere e di ricercare la vita con ogni mezzo. Il giardiniere semplicemente rimuove gli ostacoli che possono impedire l’espressione di quel potere innato alla vita. Lo stesso avviene con gli esseri umani.

Il Sistema Immunitario

Nell’Auto-guarigione Naturale si considera l’uomo come un insieme psicofisico, ma in questo caso ci concentriamo soprattutto sul Sistema Immunitario, perché è proprio esso che controlla tutte le funzioni del corpo. Se il Sistema Immunitario non è in uno stato ottimale al 100%, il suo potere innato di Auto-guarigione non può essere espresso con tutta la sua forza, il corpo non può funzionare in modo ottimale, e questo indebolimento delle Difese Immunitarie può provocare la malattia. E un corpo indebolito risulta più vulnerabile alle forze esterne che possono portare alla malattia.

Virus, batteri, epidemie e pandemie

In un posto di lavoro o una scuola, dove sono concentrate molte persone, tutti sono esposti agli stessi virus e batteri, ma alcune persone tendono ad ammalarsi più facilmente e frequentemente, mentre altri raramente si ammalano. Perché? Il corpo ha una grande capacità di compensazione e di tolleranza a resistere all’invasione di una malattia, abbiamo questo meraviglioso Potere di auto-guarigione, che dipende da un Sistema Immunitario perfettamente funzionante, e questo, a sua volta, dipende da una corretta Alimentazione Naturale, dal ridurre al minimo lo stress psico-fisico, dal condurre una vita salutare, curando il corpo con esercizio fisico e bagni di sole. Cioè, c’è un continuum tra salute perfetta ed assenza di malattie.

“Ogni Guarigione è sempre una Autouarigione”

Non aspettate che la vostra salute si deteriori ad un livello serio per pensare di aiutare il corpo ed il suo innato Potere di Auto-guarire se stesso, perché esso può liberarvi dalla medicina invasiva, dai rimedi chimici che vengono dal di fuori del corpo, da pastiglie , iniezioni, flebo o anche dal bisturi. Ogni cosa nella vita ha la sua utilità, anche la medicina convenzionale, il sistema sanitario nazionale, ma non sempre e per ogni cosa, ma solo in particolari casi d’emergenza. La conoscenza del Potere di Auto-guarigione del corpo con la sua filosofia di vita, vuole impedirci di cadere in quella rete della Malattia Ufficiale. Nei casi più gravi, la medicina convenzionale è anche necessaria. In questi casi, il nostro Potere di auto-guarigione, da solo potrebbe non essere abbastanza forte, ma non dimenticate che ricorrere alla medicina convenzionale non elimina la necessità di avere un forte Sistema Immunitario che ci sostenga nel recupero della Salute, perché “Ogni Guarigione è sempre una Auto-guarigione”.

La guarigione viene sempre dall’interno

Sebbene i trattamenti farmacologici provengano dall’esterno del corpo tuttavia il compito di reagire e di guarire viene sempre dall’interno, e questo richiede che il nostro Sistema Immunitario sia al meglio. Inoltre non credo che abbiamo fatto sempre di tutto per aiutare il nostro Sistema Immunitario a mantenerci perfettamente sani. Troppe volte abbiamo trascurato di aiutarlo confidando nella sua grande capacità di tolleranza e resistenza: fumando, mangiando male, bevendo alcolici e bevande gassate, inquinandoci con eccessi di farmaci inutili e dannosi, ecc.

Due opzioni: Salute o Malattia

La Salute è essenzialmente una questione di stile di vita, un blando esercizio fisico, una buona alimentazione e delle buone abitudini. Ci sono fondamentalmente due opzioni: essere sani è naturale, oppure vivere una vita distratta e spensierata fino a quando non ci si sente più bene ed è necessario ricorrere a trattamenti chimici della Malattia Ufficiale, che non dovrebbero mai entrare nel nostro corpo. Ma ciò succede poiché da molto giovani, quasi subito dopo la nascita, è già stato tutto deciso per noi dai nostri genitori e dalla autorità medica convenzionale. Già ci hanno segnato i passi che dobbiamo seguire fino alla tomba, a meno che non prendiamo noi una decisione coraggiosa, di non continuare a camminare su questa strada ben pavimentata di veleni chimici e di vaccini superflui e di scegliere il percorso naturale che porta ad una vita salutare. Anche se non è sempre facile, questa dovrebbe essere la nostra prima scelta.

Un mondo ideale senza malattie

Utilizzando la filosofia dell’Auto-guarigione Naturale come un sistema di salute, cioè come parte di un sano e naturale stile di vita, regolarmente si vivrebbe in assenza di sintomi e dolori, rimanendo in perfetta salute, e avvicinandoci ad un mondo ideale senza malattie, dove gli ospedali sarebbero vuoti, riservati solo alle emergenze. Ciò è lontano dalla realtà di oggi, l’ideale sarebbe un mondo pieno di persone sane, di tutte le età, che continuano a rimanere in perfetta salute fino alla fine dei loro anni. Come sarebbe bello! E cosa farebbero le grandi aziende farmaceutiche? Da dove trarrebbero i loro profitti se diminuissero gli ammalati?

Farmaci inutili

Dal momento che degli 8.500 farmaci commercializzati in Italia soltanto un centinaio sono utili, e gli altri 8.400 sono inutili, chi assumerebbe farmaci inutili che non guariscono? Ma non sono soltanto inutili, il peggio è che sono anche dannosi per i loro maledetti effetti collaterali, e sono anche creatori di morte e di nuove malattie, e queste nocive inutilità pesano tutte sul bilancio dello Stato Italiano: un enorme business delle Case Farmaceutiche da 42 milioni di euro al giorno. Ma questa può non rimanere utopia per quanti decideranno di adottare un nuovo stile di vita in armonia con le Leggi della Natura.

Fonte: http://www.scuoladellasalute.it

Depurare il fegato, per Depurare la Mente


 

depurae_53efe3b0c547d

Ma credete davvero che la Mente sia del tutto scollegata dal corpo e che uno non interferisca con l’altro?? Che un corpo sano e agile non possa donare più lucidità alla mente, ed  interferire benevolmente alla ghiandola pineale e ne facilita la nostra connessione con il mondo delle energie sottili? Ebbene…Noi andiamo per questa strada…Ve lo diciamo… E a voi la vostra scelta.

“Ciao a tutti, questo è un argomento già discusso nel mio libro Lavaggio Epatico, desidero sottolineare nuovamente che è estremamente importante per pulire il colon prima di ogni pulizia del fegato e dopo la pulizia del fegato.

In particolare, vi consiglio di pulire il colon il giorno 6, idealmente il sesto giorno della preparazione della pulizia del fegato, e di farlo di nuovo entro i 3 giorni una volta effettuato il lavaggio del fegato, questo è estremamente importante. Non si insisterà mai abbastanza a sottolineare quanto sia importante fare la pulizia del colon, perché altrimenti si può finire per sviluppare tossiemia e molti, molti effetti negativi che possono diminuire il vantaggio del lavaggio del fegato stesso. Quindi, se non è possibile pulire il colon, vi consiglio di non fare il lavaggio del fegato. Questo sottolinea quanto è importante pulire il colon prima e dopo ogni pulizia del fegato.

Il motivo per cui sto raccomandando questo così fortemente è che quando vi è alcuna costrizione, stenosi, congestione nel colon, la cistifellea non si apre facilmente, in realtà possono non aprirsi del tutto durante la pulizia del fegato. I dotti biliari nel fegato possono essere anch’essi riluttanti ad aprire o rilassarsi quando c’è un blocco o una congestione, costipazione o feci appiccicose presenti nel colon. Ci sono dei punti lungo le pareti del colon che collegano al fegato e cistifellea che “dicono” al fegato e alla cistifellea, di non secernere la bile, di non aprire i dotti biliari e quelli della colecisti, perché non si è ancora pronti a ricevere nuovi alimenti. Quindi è quasi come se dicessero al corpo, “non mangiare” non stimolando l’appetito, e quindi la bile non viene emessa così come avviene normalmente. Così, quando la bile non c’è, non è disponibile, tipicamente l’appetito viene soppresso. Cosìcchè il corpo trasmette ai sensi e al cervello, e dice: ‘per favore non mangiare, non siamo pronti’, e questo significa anche, ‘per favore, non pulire’. Quindi non fate alcun lavaggio del fegato, perché esso non sarà un grande successo.

Se invece fate comunque il lavaggio, se stanno passando i calcoli, e non avete ripulito il colon, prima di tutto si possono fermare in diverse parti dell’intestino grosso e, se si omette la pulizia del colon, la tavola di colema o i clisteri, c’è l’alta probabilità che i calcoli si fermino nel colon e che poi gradualmente si disintegrino.

La maggior parte dei calcoli che escono dal fegato e della colecisti, non sono la versione calcificata, ma sono la “non calcificata “morbida, pastosa, ceroso, oleosa, grassa, perché la maggior parte dei calcoli sono fatti di grassi che intasano la bile nei condotti del fegato. Quando escono, rilasciano una grande quantità di tossine, e, se sono rimasti nel colon, vengono decomposti da batteri al posto di essere scartato attraverso un lavaggio del colon. Quindi è estremamente importante rimuovere i calcoli che rimangono nel colon, visto che ciò avviene tipicamente in alcuni casi, in modo da evitare la tossiemia. Perché, una volta che i calcoli si disintegrano o si decompongono, da questi ultimi vengono emesse moltissime di tossine provenienti anche dai batteri che effettuano la decomposizione. Queste tossine finiranno entrare nel sangue e causare effetti tossici. Il sangue stesso entrerà nuovamente nel fegato e quindi creerà nuovi calcoli semplicemente rilasciando queste tossine nell’intestino crasso.

Quindi è assolutamente necessario fare in modo che si effettui la pulizia del colon, prima e dopo ogni lavaggio del fegato altrimenti, mi raccomando, non fatelo!

Non tentate di effettuarlo, perché può essere molto rischioso per la salute: ho visto molti effetti collaterali derivanti dalla “non pulizia” del colon successiva al lavaggio.

In alcuni casi ho anche visto che i calcoli non sono stati rilasciati durante la pulizia del fegato e della cistifellea, ma centinaia sono usciti durante il lavaggio del colon effettuato dopo il lavaggio. In un caso, mi ricordo la persona che si lamentava che i calcoli non sono usciti durante la pulizia del fegato e successivamente facendo la pulizia del colon l’addetto all’idrocolon terapia ha riferito che la donna aveva circa 500 calcoli, ma queste sono state trattenuti all’interno del colon e che sono usciti solo con la pulizia del colon. Questo può essere particolarmente grave … quella di mantenere i calcoli nel colon non è una buona idea e gli stessi hanno bisogno di essere rimossi.

Anche se si hanno solo 5 o 10 calcoli rimasti nel colon, dopo aver fatto lavaggio del fegato e della cistifellea è necessario assicurarsi che entro 2 o 3 giorni si faccia una pulizia del colon. Non dovrebbe trattarsi di una pulizia “orale”, con i sali di Epsom o di ossido di magnesio perché non è sufficiente. È necessario predisporre un lavaggio del colon tramite idrocolon o simile.”

“Se si sceglie un clistere, assicurarsi che l’acqua vada  fino all’altro lato, nel colon ascendente e, talvolta, un clistere non è sufficiente, quindi effettuare 2 o 3 clisteri consecutivi … da una parte all’altra… uno dopo l’altro, in modo che ognuno, rilasci tutto ciò che si trova sino a quel punto, poi farne un altro, per rilasciare tutto ciò che è all’interno del colon sino a quando si sente l’acqua che sia effettivamente arrivata sul lato della parte iniziale del colon, nella parte ascendente.

Questo farà in modo che il lavaggio del fegato e della cistifellea siano molto sicuri e senza problemi. A questo punto si sarà sicuri che tutto sarà riequilibrato e “non contaminato” da tossine attraverso questi calcoli intrappolati nel colon.

Vi ringrazio per aver seguito quel consiglio, perché sarà di grande beneficio alla salute.

I lavaggi del fegato e della cistifellea sono estremamente utili per la salute, per prevenire le malattie e anche per interrompere o eliminare le cause profonde delle malattie che sicuramente si trovano nel fegato, la grande maggioranza di queste tra cui il cancro, malattie cardiache, diabete, osteoporosi e sclerosi multipla , disturbi cerebrali, disturbi intestinali, e così via …. un numero enorme di malattie legate alla congestione nei dotti biliari del fegato e della cistifellea.

Grazie e e vi auguro una splendida giornata.”

PS

Sebbene la procedura migliore per pulire il colon sia l’idrocolonterapia, per motivi pratici ed economici, si può effettuare con enteroclismi fatti in successione con la sacca da 2 litri (chiamata “sacca da viaggio”). Si effettuano enteroclismi sino a quando non fuoriesce solo liquido “pulito”.

Consigliamo inoltre di praticare enteroclismi con regolarità soprattutto per le persone che hanno difficoltà ad evacuare, e soprattutto nei giorni antecedenti al lavaggio epatico è consigliabile “pulire bene”.

Alcune indicazioni sugli enteroclismi:

http://www.farmaciatolstoi.it/prod_desc_cl1.html?sno=298

http://marcogiailevra.wordpress.com/2012/10/14/clistere-o-enteroclisma-storia-origine-e-istruzioni-pratiche/

Testo Tradotto da  Marco Giaia (gruppo Facebook)

Depurare il Fegato (http://www.kousmine.net/documenti/depurazione-del-fegato.pdf)