Magnetismo e Spiritualità


 2 febbraio 2018

 La proposta che vi faccio è quella in cui sono entrata in contatto tanti anni orsono in Brasile.L’argomento è molto utile e non è mai stato creato in Italia. Per cui in questo articolo si pensa di cosa si tratta di cosa propongo in essenza.

Di magnetismo si sente parlare molto di quello classico, nel linguaggio comune riferito al ‘magnete’ o la calamita naturale. Poi se ne del Magnetismo Umano, ovvero, la capacità di ‘magnetizzare’ le persone con lo sguardo e un certo ‘portamento mentale’. * Terapia di malattia in quanto magnetismo animale, * terapia di malattia o disfunzioni sull’applicazione delle teorie di Franz Anton Mesmer, medico tedesco del Settecento. Le sue teorie sono alquanto controverse e non sono state riconosciute dalla scienza medica.

Nonostante ciò, non è certo certo una novità per altre culture come l’antico Egitto o la guarigione con l’uso delle mani citati in tanti passaggi della Bibbia, poi in India il magnetismo prende il nome di prana e cosi via.

Nella tradizione esoterica il termine ‘magnete’ o ‘magnesia’ ha sua origine in magh o magus (dal sanscrito mahaji = grande saggio), perché le condizioni sono le loro sperimentazioni a scoprire le speciali proprietà di tale pietra. Con il tempo si assume un ruolo più ampio e ha avuto la sua efficacia con tutti gli effetti con Mesmer modificato dal suo piu ‘armato seguace Amande Jacques Marie de Chastenet, marchese di Puysegur (1751-1825). In quel periodo tanto Il Magnetismo Animale Rinnegato, di Mesmer, e la Rivoluzione Spirita, di Allan Kardec subiscono l’intransigenza dei scettici.

Mesmer comprendeva, sin dalla sua tesi di dottorato, le relazioni intime tra fluido magnetico, elettricità e il magnetismo minerale, poi tutti loro hanno venire fonte il fluido universale.

 Per andare dritti al punto, è collegato lo Spiritismo che racconta la pratica è assunta usualmente in occidente e diventa parte integrante di sua dottrina, perché in quel periodo Kardec (Leon Hippolyte Rivail), fondatore della dottrina Spirita studiò i fondamenti del Mesmerismo per 35 anni a punto di considerare entrambe le gemelle. Il magnetismo ‘mesmerista’ non prescinde dall’ipnotismo, mentre i passi magnetici si spirano, e così l’attività viene in tre fasi, ma ora non credo sia il caso parlarne.

 Nel corso di magnetismo che propongo uso le due fasi principali del Magnetismo Spirita, in quanto Fluido Vitale e quindi, ESSENZIALE:

La CONCENTRAZIONE;

L’AUTO-TRATTAMENTO (PASSE)

In un secondo momento, tratteremo di entrare in contatto con i 5 elementi e il magnetismo animale in una sorta di programmazione suggestiva ed essenziale.
E perché questo? L’intento è quello di tornare a sentire, un sentimento e imparare un beneficio umano per la famiglia.

 Livia de Freitas

News dal Laboratorio Psionico


Novità per Febbraio

STATE GIÀ BENE? POTETE STARE MEGLIO!

STATE MALE?

MIGLIORERETE!

Radiestesia Amica, Magnetismo Essenziale e Tavola Radionica Quantica

Un mondo da scoprire!

RADIESTESIA AMICA

La Radiestesia Amica è un’incontro piacevole ed intuitivo dove potremo trarre dalla Radiestesia in modalità veloce, risposte e acertamenti per questione del quotidiano come:

Qualità degli alimenti

Medicinali e Terapie a cui affidarsi

Stati psico-fisico e  ALTRO ancora.

A ROSEGAFERRO DI VILLAFRANCA

SERATE A TEMA  a prezzi davvero UMANI.

Un piede dentro il Magnetismo Essenziale

Tavola Radionica Quantica I livello a MILANO

10/11 Febbraio

Luogo:

I Sentieri del Vento

Via Santa Marta, 19, 20123 Milano MI

Telefono02 7202 3205

Mappa

Questa tecnica olistica, nata in Brasile 25 anni fa, è una nuova proposta in campo olistico. Anche se nel titolo si parla di Radionica, il suo campo si collega alla Psionica, termine ancora nuovo per molti.
E’ un nuovo metodo che lavora con i simboli e grafici della radionica/radiestesia, uniti all’idea di una capacità psionica sviluppata, che più che meno esiste in ognuno di noi,:non sono più necessarie macchinari o parecchi grafici, ma il tutto si unisce in uno stesso piano articolato mentalmente e direzionato in onde-pensiero d’accordo con il bisogno della frequenza del richiedente. E’ dunque un veicolo di emissione di frequenza.
Si tratta di una tavolozza dove sono disposti elementi o simboli che riuniscono in forma astratta l’informazione che viene tradotta e inviata con l’obbiettivo di alterare l’intreccio energetico che il problema presentato contiene. Nelle tavole si fanno uso di portali che azionati attingono a più dimensioni.
Nel corso del seminario verrà spiegato come si utilizza la Tavola e i principi dell’uso del pendolo. Al termine delle due giornate si potrà in tutta sicurezza sperimentare l’applicazione della Tavola su noi stessi o con i nostri cari.
E’ necessaria l’iscrizione: 02 72023205 / info@isentieridelvento.it

oppure

329 2184250 / info@laboratoriopsionico.com

Livia de Freitas

 

Preghiera Sciamanica in una caverna


Preghiera sciamanica tenuta secreta per secoli.

In una riserva, nel centro degli USA, esiste una tribù di indiani che fanno dei rituali sciamanici dentro una caverna sotterranea da molti secoli, si dici da migliaia di anni. In questa caverna solo le donne sciamane hanno accesso per i loro rituali di guarigione, canti e preghiere direzionati ai malati di tutto il mondo. Nessuno uomo mai è entrato li, ma una delle sciamane attendendo ad una richiesta portò nella caverna con un registratore che risultò nel cantico di cura dove oltre la voce, ci sono suoni delle goccie di acqua e  dei grilli.

Particularmente già lo uso prima degli esercizi con la tavola psionica anche in gruppo.

BUON ASCOLTO

Entanglement


Risultati immagini per entanglement quantistico

ENTANGLEMENT

Non volendo essere un pappagallo, ma siccome non sono un fisico e solo prendo spunti e lego molto su questo argomento, ho pensato bene di inserire il pensiero del portavoce di Massimo Teodorani (astrofisico italiano), il quale contra-batte un’articolo, anche se l’autore di quello articolo  con le intenzioni più serie ci ricordasse a tutti di trattare questa tematica di maniera meno superficiale, che è ciò che sta succedendo, purtroppo. Ma in tale articolo, mancavano pezzi importanti per chiudere il cerchio. Ora ne segue:

Il ragionamento immediatamente successivo alla scoperta dell’entanglement è che ci sia una stessa funzione d’onda che regola lo stato degli elettroni. Dove stia “scritta” questa funzione d’onda non si sa. Di sicuro “fuori” dallo spazio e dal tempo visto che l’informazione sul loro stato (o cambio di stato) raggiunge i due elettroni CONTEMPORANEAMENTE ovunque essi siano.
In sostanza, se io cambio lo spin di un elettrone (succede semplicemente osservandolo) e l’altro è all’altro capo dell’universo, esso cambierà stato IMMEDIATAMENTE, all UNISONO.
Fatta questa premessa passo a spiegare un paio di cose, che NON ho appreso da FB…
Esistono delle strutture nel cervello umano dette “microtubuli” contenenti proteine chiamate tubuline.
Dentro a queste, gli elettroni si dispongono in modo da risultare in entanglement (o anche in “risonanza”). La TEORIA è che

1- ogni collasso della funzione d’onda di questi elettroni corrisponda ad un momento di “coscienza”
2- come conseguenza del punto 1, si ipotizza che il cervello non “crei dal nulla” i momenti di coscienza ma agisca come “antenna” sincronizzandosi a funzioni d’onda al di fuori di sè.
3- come conseguenza del punto 2 si può ipotizzare che uno stesso “principio/momento di coscienza/collasso della funzione d’onda) si manifesti (per risonanza) in 2 cervelli distinti nello stesso momento.

Ci tengo a precisare che queste sono conclusioni (tuttora oggetto di approfondimento) di Wolfagang Pauli (premio Nobel per la fisica nel 1945 e padre della meccanica quantistica), coadiuvato nella teoria da Carl Gustav Jung (psichiatra/psicoanalista/antropologo). Allo studio e alla comprensione di questa hanno dato il loro contributo anche David Bohm (fisico e filosofo statatunitense), e in italia, l’astrofisico Massimo Teodorani, di cui umilmente mi faccio “portavoce”,
nonchè molti altri scienziati SERI, ma non dogmatici.
Grazie per l’attenzione

A. Angiolini

FISICA QUANTISTICA – ENTANGLEMENT


Risultati immagini per ENTANGLEMENT QUANTISTICO

La fisica quantistica è la teoria fisica che descrive il comportamento della materia, della radiazione e di tutte le loro interazioni viste sia come fenomeni ondulatori sia come fenomeni particellari (dualismo onda-particella), a differenza della fisica classica o newtoniana, basata sulle teorie di Isaac Newton, che vede per esempio la luce solo come onda e l’elettrone solo come particella.

La meccanica quantistica (anche detta fisica quantistica o teoria dei quanti) è la teoria fisica che descrive il comportamento della materia, della radiazione e le reciproche interazioni, con particolare riguardo ai fenomeni caratteristici della scala di lunghezza o di energia atomica e subatomica.

Come caratteristica fondamentale, la meccanica quantistica descrive la radiazione e la materia sia come fenomeno ondulatorio che come entità particellare, al contrario della meccanica classica, dove per esempio la luce è descritta solo come un’onda o l’elettrone solo come una particella. Questa inaspettata e contro intuitiva proprietà, chiamata dualismo onda-particella, è la principale ragione del fallimento di tutte le teorie classiche sviluppate fino al XIX secolo

Il fisico tedesco Max Planck(1858-1947) fu il primo a introdurre il concetto di “quanto” nel suo lavoro del 1900 ” Sui quanti elementari della materia e dell’elettricità”.

Per quanto riguarda il mio pensiero visto che di questo argomento già se ne parla fin troppo, lascio il terzo principio della Fisica Quantistica, come premessa di questo Blog: 

L’entanglement:

Se due particelle vengono fatte interagire per un certo periodo di tempo e quindi separate, quando si sollecita una delle due in modo da modificarne lo stato, istantaneamente si manifesta sulla seconda una analoga sollecitazione a qualunque distanza si trovi rispetto alla prima.

Nel 1998, nel corso di un curioso esperimento, sono state prelevate alcune cellule dal palato di un uomo e poste all’interno di una provetta. Tale provetta è stata collegata a un particolare dispositivo che ne misurava lo stato. Anche il soggetto è stato collegato a un identico macchinario, ma posizionato in una differente zona dell’edificio.
Hanno fatto guardare al soggetto diversi tipi di programmi televisivi, alcuni presentavano immagini di pace e tranquillità mentre altri erano violenti ed emozionanti.
Si è scoperto che le cellule del soggetto registravano la medesima attività esattamente nello stesso momento in cui la rilevava il soggetto stesso. Quando l’uomo guardava programmi calmi e rilassanti la risposta fisiologica sia dell’individuo che delle cellule si calmava. Quando si passava ai materiali stimolanti, sia il soggetto che le sue cellule mostravano segni di eccitazione. Gli sperimentatori allontanarono sempre di più il soggetto dalle sue cellule, fino a mettere fra loro una distanza di circa ottanta chilometri. Erano trascorsi cinque giorni da quando le cellule erano state prelevate dal palato del soggetto, e stavano ancora registrando esattamente la stessa attività all’unisono col soggetto.

Fonti: Scienza e conoscenza

Esiste una relazione tra FISICA QUANTICA E ERMETISMO?


Risultati immagini per fisica quantica

Il presente testo riflette in gran lunga nostro pensiero sulla realtà fisica quantica nel nostro quotidiano ed il perché di valutare al meglio le capacità umane di allineare emozioni ai pensieri e questi all’intento e ai desideri. Penso che qualcosa lungo ai tempi ci sia sfuggito di mano e ora possiamo cercare di recuperare un po quelle che sono le nostre vere risorse interiori. E perché non provare?

L’Ermetismo è la scienza dell’unità. In un certo senso è la scienza olistica per eccellenza. Postula l’uomo composto di mente, anima e corpo, indissolubilmente legati da una medesima origine e da un’unica destinazione.

Che cos’è l’Ermetismo

Risultati immagini per ermete trismegistoL’Ermetismo è più che altro una scienza sintetica, nel senso che tende a creare l’unità dove questa non c’è, ossia nella maggior parte degli esseri umani.

L’olismo ermetico traspare negli insegnamenti di tutti i grandi Maestri: da Pitagora a Paracelso, da Cagliostro a Giuliano Kremmerz, che fu certamente un iniziato e un grande divulgatore.

Il principio del così in alto così in basso, contenuto nella “Tavola di Smeraldo” di Ermete Trismegisto, è il fondamento teoretico dell’Ermetismo. Esso postula l’unità di tutte le cose nel Pensiero Divino, che dà impulso alla Materia determinando la creazione della nostra realtà.

I simboli dell’Ermetismo

Un cerchio, con un punto a centro, è il simbolo ermetico dell’unità del Tutto nell’Uno (Dio). L’Ouroboros, un serpente che si mangia la coda, rappresenta la ciclicità dell’universo formale e la Legge di Rivoluzione delle Forze, che il pensiero orientale rappresenta nelle Maree Tattwiche.

La Materia, maturata dal Pensiero Divino, si organizza attraverso i quattro Principi Elementari (Terra, Acqua, Aria e Fuoco), costruendo la nostra realtà e tutto ciò che non vediamo perché si sottrae alla percezione sensoria.

Ermetismo e fisica quantistica

Oggigiorno la Fisica Quantistica, rivoluzionaria e caotica evoluzione del pensiero newtoniano, sancisce la natura olografica dell’Universo. Un ologramma è la rappresentazione del Tutto in ogni unità vivente.
In ogni uomo (Microcosmo) è racchiusa la rappresentazione simbolica delle leggi che governano la Creazione (Macrocosmo), dal minerale alle immense nebulose dello spazio. Analogamente in ogni cellula del corpo sono rintracciabili le linee guida che crearono le Stelle e i Pianeti e, sulla nostra Terra, la complessa architettura del Mondo minerale, vegetale e animale.
Com’è in alto, così è in basso. Ermete aveva ragione.

La Magia Ermetica sostiene di poter guarire le persone afflitte da malattie organiche e mentali: o direttamente, utilizzando le leggi empiriche del magnetismo; o tramite l’uso di Genialità Terapeutiche, Forme psichiche intelligenti create dall’iniziato perché possano servire ai suoi scopi.

La Medicina Psichica è una realtà. Poter agire sulla materia corporea con la forza del pensiero! La psiche dell’ammalato, turbata dallo squilibrio, può influire sulle cellule del suo corpo, determinando la malattia; o al contrario promuovere un processo di auto-guarigione, ristabilendo l’ordine e la gerarchia nel complesso regno delle cellule e dei sistemi organici.

Einstein, con la sua teoria della relatività, stabilì per primo l’identità di materia ed energia. Oggi la Fisica Quantistica insegna che materia ed energia sono a loro volta espressione di unità energetiche elementari, che sono i fotoni: atomi di luce solare e mattoncini elementari della realtà.

Fonte:  Scienza e Conoscenza

LA SCIENZA E LA PREGHIERA II PARTE – DNA ed EMOZIONI


Continua il Dott. re Carrel, con il raccontare le sue sperienze a livello di ricercatore sugli effetti questa volta, della della luce sul DNA e la loro dinamica  per cosi dire, INTUITIVA e autonoma.

esperimenti198-oct-24-08-53

All’inizio degli anni Novanta, l’Accademia delle Scienze di Mosca riferì una stupefacente relazione tra il DNA e le qualità della luce, misurata in fotoni. In una relazione su questi studi iniziali, il dott. Vladimir Poponin ha descritto una serie di esperimenti secondi cui il DNA umano influenza direttamente il mondo fisico. Il dott. Poponin, leader riconosciuto nel campo della biologia quantistica, era ospite di una istituzione di ricerca americana quando questa serie di esperimenti venne svolta. Gli esperimenti erano iniziati con la misurazione di strutture di campo della luce nel vuoto, all’interno di un ambiente controllato. Dopo aver rimosso tutta l’aria da una capsula appositamente predisposta, la struttura di campo e la distanza fra le particelle di luce prendevano una distribuzione casuale, come ci si attendeva. Le strutture di campo furono controllate e registrate due volte, per essere usate come riferimento nella sezione successiva dell’esperimento. La prima sorpresa si verificò quando dei campioni di DNA vennero posti all’interno della capsula. In presenza di materiale genetico, distanza e struttura di campo delle particelle di luce cambiarono.

Anziché assumere la struttura diffusa che i ricercatori avevano rilevato in precedenza, le particelle di luce cominciarono ad acquisirne una nuova, che rassomigliava agli avvallamenti di una forma ondulatoria. Il DNA stava chiaramente influenzando i fotoni, dando loro la forma regolare di una struttura ondulatoria attraverso una forza invisibile. La sorpresa successiva si verificò quando i ricercatori tolsero il DNA dalla capsula. Poiché erano fermamente convinti che le particelle di luce sarebbero ritornate al loro stato originario di distribuzione arbitraria, osservarono con sorpresa il verificarsi di qualcosa di molto inatteso: i modelli erano molto diversi da quelli osservati prima dell’inserimento del DNA.Poponin affermò che la luce si comportava “in modo sorprendente e contro-intuitivamente”.

Dopo aver ricontrollato la strumentazione e avere rifatto gli esperimenti, i ricercatori si trovarono a dover fornire una spiegazione su ciò che avevano osservato. In assenza di DNA, cosa influenzava le particelle di luce? Il DNA si era forse lasciato dietro qualcosa, una sorta di forza residua che permaneva anche dopo che il materiale biologico era scomparso?

Poponin scrive che lui e gli altri ricercatori furono “costretti ad accettare l’ipotesi che venga eccitata una specie di nuova struttura di campo…” Per sottolineare che l’effetto era collegato alla molecola fisica di DNA, il nuovo fenomeno fu denominato “effettofantasma del DNA“. La “nuova struttura di campo” di Poponin suona sorprendentemente simile alla “matrice” della forza citata da Max Planck, e agli effetti a cui accennano le antiche tradizioni.

Questa serie di esperimenti è importante perché dimostra chiaramente, forse per la prima volta in condizioni di laboratorio, l’effetto della preghiera sul mondo fisico. Il DNA usato nell’esperimento era un agglomerato passivo di molecole non collegate al cervello di un essere vivente cosciente. Anche in assenza di sentimenti diretti che pulsassero attraverso l’antenna della doppia elica del DNA, si rilevavano una forza e un effetto misurabile nelle sue immediate vicinanze.

Se ogni cellula dell’organismo di una persona di taglia, peso ed altezza medi, cioè ogni antenna di sentimenti ed emozioni, ha la stessa proprietà di influire sul mondo circostante, allora quanto viene amplificato l’effetto? Quindi, che cosa succede se, anziché parlare di sentimenti che passano attraverso le cellule di una singola persona, parliamo di un sentimento che risulta da una forma specifica di pensiero ed emozione, regolati dalla preghiera di un singolo individuo, e li moltiplichiamo anche solo per una frazione dei sei miliardi di persone viventi oggi sulla terra, cominciamo a percepire il potere che la nostra volontà collettiva rappresenta. Si tratta del potere di porre fine a tutta la sofferenza e di allontanare il dolore che ha caratterizzato il ventesimo secolo. La chiave sta nel lavorare insieme per raggiungere quell’obbiettivo. Questa potrebbe rivelarsi la più grande sfida del terzo millennio.

Fonte: http://biscobreak.altervista.org/