Gurdjieff ed Il Centro


 “L’illusione suprema dell’uomo è la sua convinzione di poter fare. Tutti pensano di poter fare… ma nessuno fa niente. Tutto accade.”
GEORGE IVANOVITCH GURDJIEFF

Il presente testo trovato in internet, è davvero molto carino e credo qualche volta ci vuole un po di umiltà nel dire che qualcuno la dice bene e meglio, ciò che vorremo esprimere in più parole, ed il testo a seguire ha tutto a che fare con la esfera umana, forse quella oggi più a rischio: LA MENTE. E c’entra assolutamente con i temi trattati in questo Blog. Mano a mano in cui andremo avanti, si formerà una chiara idea dei temi scelte con la filosofia del sito. Speriamo vi sia cosa gradita.

Ma chi era  Georges Ivanovich Gurdjieff…

Georges-Ivanovic-Gurdjieff

È stato un filosofo, scrittore, mistico e “maestro di danze” armeno. Il suo insegnamento combina sufismo e altre tradizioni religiose in un sistema di tecniche psicofisiche che cerca di favorire il superamento degli automatismi psicologici ed esistenziali che condizionano l’essere umano.

L’insegnamento fondamentale di Gurdjieff è che la vita umana è vissuta in uno stato di veglia apparente prossimo al sogno. Per trascendere lo stato di sonno (o di sogno) elaborò uno specifico lavoro su sé stessi al fine di ottenere un livello superiore di vitalità e consapevolezza. La sua tecnica prevede il raggiungimento di uno stato di calma e isolamento, a cui segue il confronto con altre persone.

Gli insegnamenti di Gurdijeff  sono tutt’ora moderni, nonostante appartenesse ad un’epoca per cosi dire ‘remota’, in particolare modo del “centro”. Occorre fare un po’ di sforzo mentale,e tutto è molto chiaro.

“Incominciamo in modo molto sintetico da cosa ci dice la “teoria”. Nell’uomo i vari processi trovano un punto di coordinamento in appositi centri. Esistono un centro intellettivo, uno emotivo, uno motore. Poi ne esistono altri, quello istintivo, quello sessuale etc. etc. Ma i primi tre, sono davvero principali nell’uomo come è oggi.

Partiamo dal centro motore: osservarlo non è difficile; basta imparare un movimento che non conosciamo. Andare in bicicletta, ad esempio. All’inizio sembra impossibile, poi diventa più semplice, fino a che, ad un certo punto… succede una specie di miracolo e noi diventiamo capaci di andare in bici, cosa che non dimentichiamo più.

Come accade questo? Semplice: il nostro centro intellettivo analizza il movimento e cerca di riprodurlo. Ad ogni tentativo, quello che facciamo viene “registrato” in quello che potremmo chiamare centro motore (la localizzazione fisica esiste, ma non è scopo di questo post). Ad un certo punto il centro motore prende in mano la situazione; ha, per così dire, “capito come si fa”. Da quel momento in poi, la complessa serie di movimenti necessari a stare in sella non deve più passare per la corteccia cerebrale: è diventata automatica. Il centro motore, in altre parole, è stato programmato e, per molto tempo, non dimenticherà più questa sequenza, riproponendola pari pari tutte le volte che si presenterà l’occasione. Questo meccanismo è alla base di tutte le scienze fisiche, come ad esempio, la danza, le arti marziali, lo sci e tante altre attività fisiche che richiedono un’automatizzazione del movimento come la guida di un auto o di una moto. Anche l’atto del camminare, prima conquista motoria di una importanza fondamentale nel bambino, è a carico del centro motore.

Per quanto incredibile possa sembrare, esistono centri analoghi che gestiscono i nostri processi intellettivi ed emotivi. Anche il pensiero viene “educato” (anche se sarebbe meglio dire “condizionato”) e lo stesso vale per le emozioni. Osservare gli eventi che includono questi due centri diventa un po’ più complesso e richiede una certa capacità di distacco e sincerità nei confronti di noi stessi. Ad esempio, avete notato come una canzone può produrre sempre la stessa emozione? Oppure come sia quasi automatico l’insorgere delle stesse emozioni di fronte agli stessi stimoli? Oltre alla questione di risposta automatica insita nella mancanza di consapevolezza dell’essere umano, vi è proprio il meccanismo di funzionamento dei centri implicati.

Quello che però molto spesso non si sa è che ogni centro, è a sua volta dotato di tre “componenti” che rispecchiano la struttura generale. Nel centro motore troveranno quindi posto un centro “intellettivo”, uno “emotivo” ed uno “motorio” vero e proprio.

Lo stesso vale per il centro emotivo.

La prima conseguenza di questo è che le emozioni hanno una loro componente “motoria” ed una “intellettiva”.
Ad esempio, quando proviamo un’emozione negativa come la rabbia, e non la esprimiamo nel modo corretto, quell’emozione (la rabbia) si troverà comunque ad essere nata ma a non aver trovato il suo corretto canale espressivo. Sceglierà quindi (e qui entra la componente motoria del centro emotivo) il percorso che offre meno resistenza. Tipicamente, andrà ad infilarsi in un organo bersaglio (ad esempio: il fegato), generando un danno più o meno esteso, più o meno grave, in quell’organo che ne è diventato il bersaglio per errore.

Il problema è che così facendo, quell’emozione ha creato un precedente. Ha, per così dire, aperto una strada sbagliata per l’energia emotiva. Questa strada, con il reiterarsi dell’errore, diventerà sempre più definita, sempre più chiara, ma, quello che è il maggior danno, sempre più facile da seguire rispetto a quella corretta. E’ la componente motoria del centro emotivo che determina questa evoluzione errata, allo stesso modo in cui un atto meccanico ripetuto, a lungo andare diventa automatico.

Il risultato, in questo caso, è che a furia di reprimere un sentimento potente, positivo o negativo che sia, si finisce per generare una maggior facilità di quell’emozione a fluire nella direzione sbagliata. Ad un certo punto questa direzione risulterà così semplice da prendere che le emozioni di quel tipo prenderanno sempre quella (sbagliata) anziché comportarsi come dovrebbero.

Ecco perché chi ha un problema di fegato dovuto alla facilità di incazzatura tenderà ad acuirlo sempre più. Ed ecco perché i problemi fisici derivanti da un’errata disposizione emotiva, ad un certo punto sembrano conoscere una sorta di “impennata”: perché non siamo più in grado, anche volendo, di far prendere la strada giusta alle nostre emozioni.

A quel punto occorre un grosso lavoro di rieducazione al contrario: bisognerà cioè intervenire volontariamente nell’espressione emotiva, in modo da “riprogrammare” la componente motoria del centro emotivo ed eliminare così la via di minor resistenza profondamente errata che la nostra psiche ha generato.

Siamo abituati a non manifestare mai la nostra rabbia? Bene, cominciamo a farlo. (Questo appunto lo faccio io: la rabbia la si può sfogare con uno sport, una lettera scritta e magari anche non inviata al destinatario.  Ci son tanti modi di sfogare la rabbia facendo si che essa diventi una rabbia per cosi dire, positiva). Anche parlare da soli può servire: vocalizzare i propri pensieri derivanti da qualcosa che ci ha fatto incazzare è molto importante; farlo fino a che non ci accorgiamo che stiamo recitando, che quel pensiero ha perso la sua forza è un modo per evitare che quello stesso pensiero trovi il modo di infilarsi in un organo così a fondo da danneggiarlo.

Impariamo che non siamo le nostre emozioni, così come non siamo i nostri pensieri e nemmeno le nostre azioni.

Noi siamo noi.

Il resto è un effetto di noi.”

http://www.youtube.com/watch?v=MI0LxEhFuRg

Fonte: WEB

3 pensieri su “Gurdjieff ed Il Centro

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...